28 Maggio 2017  - La "Regata Perfetta"

20170528 172524 400   su LogorestoVEnezia30 l'articolo con tutte le foto ed i grafici del vento

Il surreale inizio a Sangiu, alle 8.00, con marea a -40 sul l.m.m., è una verdemarcia prateria d'alghe che sfuma nelle scogliere crostacee della diga della "Libertà" [l'ex Ponte, vedi link]. Ai bordi di canale S.Secondo decine di neri uomini rana in muta sub annaspano in 50 cm d'acqua trascinando sacchi di bottino bivalve. Ai barchini e barconi che sfrecciano al doppio della velocità consentita non ci fai neanche più caso, e alla Marittima basta solo un po' di slalom-surf fra i Granturismo che imbarcano le più mattiniere orde di turisti: solo scene d'ordinaria laguna.

Nonostante i -40cm sul l.m.m, dalla Marittima si può puntare dritti al Fisolo, e da qui, appena alla dx del faro Spignon, puoi imboccare il largo canale che porta all'Allacciante, per arrivare in poco meno di tre ore al campo di partenza della Regata.

Sisa ha anticipato un po' il viaggio per verificare la vela di trinchetta, re-inferita il giorno prima.

The Wind si è allineato a S-SE fin dalle 9.00, e alle 12.00 le quarantasei magnifiche barche al terzo aspettano solo la più facile partenza - senza boa al vento - di tutto il più bel Campionato di Vela Tradizionale del BelPaese.

Temperatura, acqua, aria e visibilità che meglio non si può. Start delle Categorie A-B-F puntuale alle 12.35 con 6-7 kts; su Sisa la trinchetta sembra finalmente più distesa e armonica.

Suonano i -5 per le Cat. C-D-F, distanza dalla linea [di partenza] sotto controllo, il navigatore sollecita la presa di velocità, cazzata leggera alla Maestra, cazzata leggera alla trinchetta... ??? .. . strattone ... azz... patta di trinchetta saltata!

Allarme rosso. Meno due al via ...!! Giù trinchetta, controllo, impossibile rimediare, ma il "passarin" sembra tenere. Re-issata trinchetta, Beeeep !!!! Su Sisa non resta che affidare la sorte di regata alla potente gestualità scaramantica marinaresca: ha inizio la Regata Perfetta.

Regata Perfetta non certo per Sisa acciaccata, o per qualche barca in particolare, ma per la sensazione generale che ha pervaso i regatanti un paio d'ore dopo, nell'area d'arrivo poco prima di San Servolo.

La regata ha offerto un crescendo delle migliori sensazioni marinaresche, miscela di benessere, inebriamento da vento e profumi salmastri, intese millimetriche con l'equipaggio e micrometriche verso i competitors, in un crescendo che The Wind ha portato fino a 15 kts di raffica.

Appena al di là della linea d'arrivo anche gli esiti di regata appaiono nuovi e corroboranti.

A cominciare da Moretta, prima in Cat. Marrone davanti al diVino Aseo. Moretta è autentica e inaspettata sorpresa, con team e randa inediti, tant'é che Stefano Battaglini e Laura Scappin - timoniere e prodiera - sono i primi festeggiatissimi da tutto il clan CVC.

Perché l'altro altrettanto inatteso festeggiamento per il clan tocca per la Cat. Verde anche a Sandra, creatura di Nicolò Zen cresciuta nel grembo dell'ex MIT, Museo delle Imbarcazioni Tradizionali di Forte Marghera, ora decaduto a ennesimo grigio scampolo d'ordinaria laguna.

Sandra, tutt'ora in testa nel campionato Scuffia d'Oro 2017, condotta da Carlo Sovilla e Diego Casella, ha messo in riga nientepopodimeno che Siora Marisa e Rosso Veneziano, un risultatone che rassicura assai circa il percorso d'evoluzione velica iniziato solo nelle ultime regate 2016.

In Cat. Blu Soravento di Marco Luppi giganteggia ancora una volta aggiudicandosi il primato assoluto di Regata, mentre in Cat. Gialla San Zulian di G.Carlo Sambo vince un indimenticabile confronto con Sisa, con Toga che supera Refolada all'ultimo bordo.

in Cat. Arancio è la giornata di Paron Giacomo, sin qui non certo brillante, che arriva a prendere il posto di Corsaro - oggi assente - nel duello con Soravento per il primato assoluto di Regata; mentre in Cat. Azzurra c'é la rivincita di Nona Patata su Ermenegilda, con Adamas che s'infila fra i due.

Il fine-regata è alla rinata Isola della Certosa, oggi vero e praticabile parco verde di Venezia, regno di Alberto Sonino signore di VentodiVenezia.

Rinfresco ripreso dallo staff cinematografico dell'isola. Ciak si gira e si mangia (il primo priatto). Ciak e si chiude il rinfresco (il primo - si scopre - è anche l'unico). Premiazioni con vero e proprio podio, momento celebrativo apprezzatissimo, degna conclusione alla Regata Perfetta, come anche Giorgio Righetti - presidente AVT - riconosce nelle parole d'aperura.

Dalle premiazioni qualche nota anche dall'infermeria: sta' benissimo il prodierone di Vuelvo al Sur caduto nei flutti di bolina nell'esercizio del ruolo di contrappeso; Vuelvo è miracolosamente scampato alla scuffia in seguito all'improvviso scompenso di pesi;

pochi danni ma ritiro per disalberamento per Astemio, il topo di Beppe Fanello oggi eccezionalmente alla partenza,

zero danni - al netto della prestazione - per la patta di bolina di trinchetta di Sisa,

chirurgia necessaria per la randa di Iolanda: la strambata cinese ha costretto Gino Luppi a percorrere l'ultimo tratto con la randa appesa alla testa d'albero: il suo 5° posto la dice lunga sull'inossidabile tempra del Grande Saggio della Vela al Terzo

La veleggiata di Rovigno, dall'8 al 13 Giugno, sarà l'intermezzo prima della prossima Regata di Campionato:

Regata Saline del 25 Giugno !

Veleggiata possibile anche per barche al terzo per il ponte del 2 Giugno [vedi link],

con finestre aperte per avvicinarsi alla Voga Veneta e alla Vela al Terzo dal 15 Giugno e dal 17 Luglio.

byRevi               

   VVlogo2017 di200

> classifiche, cronache e foto 2017!
--------------------------------
Articoli Correlati
JSN Pixel template designed by JoomlaShine.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.